AIA JESI - PARK HOTEL

Text-only Preview

PRESIDENTE PROFETA: ‘NON LA VEDO BENE’
LA SQUADRA VINCE : 8-4
Aia Jesi 8 - Park Hotel 4 Vil a Rosa, 31-08-10
Aia Jesi: Pizi E. (8); Cecchini (6.5); Belgni (7+); Pirani (6.5); Magagnini (10).
A disp: Aquilanti (5.5); Vitaloni (6+); Gresko (7); Albano (s.v.). Al : Marco Aquilanti (8).
Park Hotel: Scarpantoni; Boschini; Di Teodoro; Elti; Di Giammario.
Marcatori: Aia: Magagnini (5); Belegni (2); Vitaloni; Park: Aquilanti (aut); Boschini (2); Elti.
Arbitri: Sig. Sabbatini di Jesi (6.5) e Sig. Peschini di Jesi (6).

Vil a Rosa di Martinsicuro (Te)
‘Non la vedo bene’, con queste parole il
Aquilanti che tenta di rompersi l’osso
al a squadra che con tre gol del Maga
Presidente Aia Jesi, Riccardo Piccioni,
sacro ma non vi riesce. La gara inizia
si riportano nettamente in vantaggio. Al
esordiva ai microfoni dei giornalisti,
al e 22.30; numeroso il pubblico che
23’ è 6-4 per l’AIA Jesi. A questo punto
lasciando quindi poche speranze al a
assiste al ’incontro, tra la plebe anche
si nota che il Park cede sul piano
sua formazione. E’ accaduto invece
il Presidente Piccioni e il collaboratore
atletico e l’AIA Jesi approfitta
tutto il contrario nel campo di calcetto
Giannoni.
chiudendo i conti con una doppietta di
del Park Hotel dove i ragazzi di mister
Subito diverse occasioni per entrambe
Belegni. Al triplice fischio è 8-4. L’AIA
Aquilanti hanno tirato fuori la massima
le formazioni ma fino al 20’, la gara è
Jesi festeggia questa importante
prestazione portando a casa un
bloccata sul o 0-0. Al 21’, arriva il gof o
vittoria ottenuta come rivincita di due
risultato per certi versi sorprendente.
errore di Aquilanti che bef a Pizi
anni fa quando il Park si impose con
L’al enatore prima del a gara
mandando il pal one nel a propria
una netta vittoria. Da sottolineare la
raccontava ai nostri microfoni: ‘E’ una
porta, è 1-0 per il Park; Piccioni è
prestazione del Maga che con 5 gol,
gara molto importante, sarebbe
pronto a cacciare il mister. Passa un
vince il premio come uomo partita.
fondamentale vincere questo trofeo
minuto e bomber Magagnini mette a
Tanti complimenti anche a mister
per la prima volta, per noi ha
segno il primo gol del a serata;
Aquilanti che non sbaglia niente sul
l’importanza del Berlusconi.’ Nel
sul ’onda del ’entusiasmo l’AIA Jesi
piano tattico. Nel dopo-partita il mister
frattempo il Presiente continuava con
segna il gol del vantaggio sempre con
dichiara: ‘Ottima squadra quest’anno,
le sue perle: ‘Vincere o morire! O si
Maga. Partita che si mantiene accesa
tanti gol e tanto divertimento. Il
vince o salta la panchina!’ e
fino al 30’, quando poco prima del a
presidente metta i soldi che poi la
aggiungeva: ‘Non condivido le scelte del
fine del primo tempo arriva il gol bef a
squadra la costruisco io. Eccezionale la
mister’. Toccanti anche le parole del o
del Park. Primo tempo che termina 2-2.
prova di Magagnini’. Per concludere le
stretto col aboratore di Piccioni,
Secondo tempo che inizia subito con
dichiarazioni del Presidente Piccioni; ‘
Romeo Giannoni, che al a domanda
diversi gol; il primo è di Vitaloni che
Partita brutta, sottotono, pensavo di
‘Come vede la gara?’ rispondeva:‘La
dopo 3’ porta in vantaggio l’AIA,
vedere più gol. Non confermo il mister
vedo dal a parte di qua’. Sicuramente
passano altri due minuti e il Park
mentre Magagnini è incedibile (ha
l’atteggiamento di questa dirigenza non
pareggia. L’AIA Jesi è in confusione e
firmato con l’AIA Ancona)’. Viene
poteva far altro che innalzare la
viene bef ata dal Park grazie ad un
spontaneo domandarsi se questo
tensione sul mister e sui giocatori.
netto errore di Vitaloni. Al 6’ del
Presidente c’abbia mai capito qualcosa;
Gara che inizia con qualche minuto di
secondo tempo il Park conduce 4-3.
la risposta è tutta nel a ‘profezia’ del
ritardo a causa dei giocatori del Park
Piccioni ha già pronto il comunicato
pre-partita.
Hotel, impegnati fino a tardi con il loro
per cacciare mister Aquilanti, il quale

lavoro. Nei minuti di attesa, da
però da buon tedesco, si mantiene

annotare lo scivolone di mister
freddo e lucido, dando la scossa giusta
MAURIZIO BELPIETRO