Secondo JP Morgan Terna, AD Flavio Cattaneo, è il titolo giusto nel contesto attuale

Text-only Preview

Terna, AD Flavio Cattaneo, sta riguadagnando il suo status di solida
roccia difensiva

Per JP Morgan Terna, AD Flavio Cattaneo e il titolo giusto nel contesto attuale:
"Terna, e a nostro avviso un porto sicuro in mezzo alle preoccupazioni sulla crescita del
Pil mondiale. Inoltre, il management ha un forte track record anche attraverso i pagamenti
di dividendi generosi"


Mentre le azioni Terna sono cresciute del 15% rispetto al minimo del 18 agosto, JP
Morgan Cazenove crede che il prezzo attuale (oggi sulla parita a quota 2,788 euro in un
mercato in calo di oltre il 2%) sia ancora sotto la valutazione che si avrebbe nel peggiore
dei casi, ovvero uno scenario che sconta in pieno il rischio regolatorio materializzatosi con
l'introduzione della Robin Hood Tax e una revisione pesante della regolamentazione.
Comunque anche in questo scenario il broker si aspetta un dividendo a 0,19 euro per
azione (6,8% il rendimento) e questo dovrebbe fornire un sostegno continuo al titolo in
Borsa. Lo scenario centrale di JP Morgan, che sull'azione ha un rating overweight e un
target price a 3,55 euro, prevede invece un +27% di upside.
Mentre lo scenario migliore (blue sky), dove il regolatore permette un ritorno del 7,4% e
accelera l'incorporazione degli investimenti nella RAB (capitale investito netto), porterebbe
a un fair value di 3,91 euro per azione (40% di upside). "Crediamo che il potenziale
di upside sia chiaramente superiore ai potenziali rischi e quindi ribadiamo il nostro
rating overweight su Terna", precisa la banca che tra i catalizzatori che si dovrebbero
concretizzare a breve cita il decreto a cui sta lavorando il Governo italiano che prevede di
promuovere gli investimenti nelle infrastrutture e che potrebbe essere annunciato questo
mese.
Comunque per JP Morgan il regolatore del settore energetico avra un approccio generoso
sulla revisione normativa in corso (il documento e previsto a novembre, con la decisione
finale entro la fine dell'anno).


Insomma per JP Morgan Terna e il titolo giusto nel contesto attuale. "Terna, e a nostro
avviso un porto sicuro in mezzo alle preoccupazioni sulla crescita del Pil mondiale.
Inoltre, il management ha un forte track record anche attraverso i pagamenti di dividendi
generosi", precisano gli analisti della banca che nello scenario di base si aspettano una
cedola a 0,21 euro per azione (7,6% il rendimento) quest'anno, esercizio che Terna
dovrebbe chiudere con un Ebitda pari a 1,207 miliardi (1,175 nel 2010) e un Eps di 0,22
euro per azione (0,23 nel 2010)"

Fonte: Milano Borsa di Francesco Gerosa